Pensiero di lunedi 23 luglio 2018

Ingratitudine degli esseri - come non soffrirne

Non sempre si viene ricompensati per il bene che si è fatto, è vero, ma questa non deve mai essere una ragione per rimpiangere di averlo fatto. Avete fatto del bene a qualcuno, per esempio lo avete aiutato materialmente; poi, un giorno, scoprite che quella persona non meritava il vostro aiuto: non solo non vi è riconoscente, ma in più fomenta intrighi contro di voi. Ovviamente siete tentati di andare a raccontare ovunque la vostra delusione, ma questo non è l'atteggiamento giusto. Se vi lamentate rimpiangendo di aver agito bene, ne perdete il merito. In alto stava scritto che dovevate ricevere una ricompensa, e ora, raccontando di essere stati delusi, traditi, voi cancellate il bene che avete fatto. Perciò, anche se le persone si comportano male nei vostri confronti invece di mostrarsi riconoscenti, chiudete un po' gli occhi e perdonate. È così che crescerete, e ciò che avete perduto, più tardi vi sarà reso centuplicato. Qualunque cosa vi si faccia, non perdetevi in regolamenti di conti. Aspettate che il Cielo si pronunci in vostro favore: un giorno, ciò avverrà obbligatoriamente.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


 
L'Acquario e l'arrivo dell'Età d'Oro **
€ 19,00
Aggiungere
Amore e sessualità
€ 19,00
Aggiungere
La pace uno stato superiore di coscienza
€ 3,50
Aggiungere